Advertisements

Cristina d’Avena racconta le sue ultime esperienze e svela qualche chicca sul nuovo film de I Puffi!

I Puffi: Viaggio nella foresta segreta di Kelly Asbury è in arrivo nelle sale cinematografiche a partire dal 6 aprile prossimo è la nostra amatissima Cristina d’Avena ha interpretato la sigla e ha anche doppiato un personaggio. Sono anni che la dolce Cristina è entrata nel cuore degli italiani, legata ai ricordi d’infanzia di tutti coloro che sono nati dagli anni Ottanta in avanti. Intervistata da Everyeye.it, ecco che cosa ha raccontato su questa nuova esperienza.

 

 

L’argomento primario sono stati i Puffi, che attualmente stanno trovando un rinnovato successo soprattutto sui più piccoli. Anche nella vita della d’Avena gli omini blu hanno contato: “Tantissimo, perché io ho iniziato col Bambino Pinocchio, negli anni Ottanta, poi, subito dopo, sono arrivati i Puffi, che hanno fatto guadagnare cinquecentomila copie alla Five Record e ci siamo meritati il Disco d’oro. Quindi, molto hanno significato per me i Puffi, sono proprio miei amici di vecchia data”. Cristina assicura poi che la nuova canzone entrerà tra le più cantate del suo repertorio: “Come no, appena esce il film il 6 Aprile la canteremo tutti. Io la trovo molto divertente, nuova, con sonorità che ai bambini di oggi piacciono. Abbiamo preso ‘Noi Puffi siam così, noi siamo Puffi blu’, parte della prima sigla, e l’abbiamo inserito in questa nuova ‘storia’ con sonorità che sono un po’ un misto tra gli anni Novanta e poi il “tum tum tum” delle canzoni di oggi perché tanto, alla fine, i bambini cantano e ballano anche quelle. Sono curiosa anche di leggere le critiche e le opinioni dei fan, ma anche di chi mi scopre solo ora. Quando sono costruttive, le critiche a noi servono molto. Ai miei concerti mi diverto perché le canzoni le riarrangiamo anche in chiave rock, più moderna, ma anche perché i cartoni animati sono colore, fantasia, gioco, ci devono portare indietro nel tempo e, attraverso i concerti, i film e i cartoon, abbiamo ogni tanto la possibilità di entrare in questo mondo colorato. Secondo me, ci fa bene, perché il mondo ultimamente è un po’ strano, quindi è meglio colorarlo. Quando inizio i miei concerti, io dico sempre ai ragazzi di mettere da parte tutti i problemi e di entrare con me in questo mondo per divertirci, cantare e scherzare”.

 

 

Sono tante le sigle nel cuore della cantante: “In primis, io amo Licia, perché la sono stata anche nel cartone e nel telefilm. Però mi piacciono tantissimo le sigle di Sailor Moon, Rossana, Lady Oscar, che è anche un personaggio che adoro, e, ultimamente, ho scoperto David Gnomo. Sono tutti personaggi che, soprattutto nei primissimi anni, quando la televisione dava veramente spazio ai cartoni animati e ai programmi per ragazzi, ci mettevamo tutti lì a guardarli, me compresa. Quelli di quegli anni sono cartoni fantastici, se io ora canto una nota di quelle sigle, qui voi cominciate a cantarla tutti insieme. Chi non conosce Mila e Shiro, Rossana, Jem, David Gnomo, Memole e Alvin?”. Infine Cristina racconta un po’ più di se stessa e del suo carattere: “Cattiva mai, nervosa tanto. Quando credo tanto in una cosa mi arrabbio molto. Sono così in amore, nelle amicizie nei rapporti e, soprattutto quando mi deludono tanto, perché sono una persona vera nel bene e nel male: dolcissima, ma sono anche dall’altra parte, nel senso che sono sincera e, se qualcuno non lo è con me, mi arrabbio tantissimo. Purtroppo, sono buona, credo troppo nelle persone e do fiducia, poi, però, si rischia di rimanere delusi. Forse, in questa società ho imparato che devo dare meno fiducia. Per me l’amicizia è fondamentale, come l’amore. Ho amici d’infanzia che non abbandono perché fanno parte di me, un po’ come i Puffi. È bello poter crescere con un’amica d’infanzia”. E di amici la bella Cristina ne ha tantissimi che nemmeno conosce e sono i migliaia di fans che in tutt’Italia la amano e la stimano.

Advertisements

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *