Advertisements

Choc in diretta! Chiuso Parliamone Sabato di Paola Perego!

Incredibile la polemica che è nata legata al programma di Raiuno Parliamone Sabato, condotto da Paola Perego. Dopo quanto accaduto due giorni fa, i vertici dell’azienda della Rai hanno scelto addirittura di chiudere la trasmissione lasciando la Perego senza un effettivo lavoro. Ma ecco che cosa è accaduto.

 

 

Sostanzialmente durante lo show ci si era interpellati su quali siano le buone ragioni per scegliere una donna dell’est Europa. I temi trattati e le considerazioni fatte sono state considerate da molti fin troppo classiste e razziste. La stessa presidentessa della Camera, Laura Boldrini, si è dichiarata indignata di come il servizio pubblico abbia trattato questo argomento e ha dichiarato: “le donne sono state rappresentate come animali domestici”.

 

 

Il DG della Rai Antonio Campo Dall’Orto ha poi sentenziato: “Gli errori si fanno, e le scuse sono doverose ma non bastano. Occorre agire ed evolversi. La decisione di chiudere Parliamone Sabato non è infatti solo la semplice e necessaria reazione ai contenuti andati in onda lo scorso sabato, contenuti che contraddicono in maniera indiscutibile sia la mission del Servizio Pubblico che la linea editoriale che abbiamo indicato sin dall’inizio del mandato. È anche una decisione che accelera la revisione del daytime di Rai1 sulla quale peraltro stavamo già lavorando da tempo. Questo al fine di rendere i contenuti Rai sempre più coerenti ai valori che ne ispirano la missione”.

 

 

Non sono pochi però coloro che credono che questo episodio sia stato solamente il pretesto per chiudere questa trasmissione. In realtà la vera causa potrebbe consistere negli ascolti poco soddisfacenti, se comparati con il Verissimo di Silvia Toffanin in onda alla stessa ora. Qual è stata la verità? Si tratta solo di ipocrisia, di scuse sincere oppure della volontà di allontanare Paola Perego del palinsesto della prima rete della Rai?

Advertisements

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *