Advertisements

Meteore in TV – Maurizio Ferrini

È grazie al ruolo di un rappresentante di pedalò di una fittizia ditta, chiamata Cesenautica, che Maurizio Ferrini (Cesena, 1953) entra a far parte del mondo dello spettacolo. Si trattava della trasmissione Quelli della notte, condotta da Renzo Arbore nel 1985. È proprio negli anni ’80 che questo comico ottiene il suo periodo di maggior popolarità, anche grazie al tormentone da lui lanciato “Non capisco, ma mi adeguo”.

Arbore è stato il suo trampolino di lancio; approda poi a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 a Domenica In, dove interpreta la celeberrima signora Emma Coriandoli, suo personaggio più riuscito. Seguono alcuni film e diverse pubblicità, sempre nel ruolo della casalinga media italiana. Successivamente sarà Antonio Ricci a dargli fiducia attraverso la conduzione di Striscia la notizia, prima insieme a Sergio Vastano e poi con Alba Parietti (dal 1991 al 1994). Ormai Maurizio Ferrini era ineluttabilmente legato al personaggio della Coriandoli, per cui quando inizio a stancare l’una iniziò anche il declino dell’altro.

Infatti dalla metà degli anni ’90 e per circa 10 anni, Ferrini si allontanò sia del cinema sia dalla televisione, chiamato soltanto saltuariamente in qualità di ospite. Sarà poi Simona Ventura che lo vuole nel 2005 nel cast della terza edizione de L’isola dei famosi, noto reality show in onda su Raidue. Ferrini è ben felice di parteciparvi per due motivi: il primo poiché è alla ricerca di una ritrovata popolarità, il secondo poiché vuole slegare la sua persona a quella della signora Coriandoli. Malgrado il pubblico lo apprezzò molto, portandolo addirittura alla finale, finita l’esperienza del reality il comico tornò nel dimenticatoio. Partecipò solo a due fiction in piccoli cameo: Ma chi l’avrebbe mai detto nel 2007 e Don Matteo 8 nel 2011.

In un’intervista rilasciata un po’ di tempo fa ha dichiarato di essersi allontanato dal mondo dello spettacolo poiché non è in grado di far divertire il pubblico attraverso la volgarità. Pare infatti che abbia rifiutato piccoli ruoli attoriali all’interno di cinepanettoni. Probabilmente la signora Coriandoli (nella foto allegata) è stata una figura talmente forte che non consente a Ferrini una rinascita professionale. Non è la prima volta nella storia dello spettacolo che un attore od un comico finisce con la morte del proprio personaggio.

image

Advertisements

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *