Advertisements

Le canzoni più trash della musica italiana – parte 1

Tutti i siti, i blog, i giornali parlano sempre dei soliti successi planetari, ma ci sono brani che non devono essere dimenticati ed improvvisati cantanti che bisogna conoscere. Negli anni ’80 e ’90 era piuttosto comune che personaggi dello spettacolo si cimentassero nella scrittura o nell’interpretazione di brani musicali, ottenendo spesso più critiche che lodi. Alcune di queste canzone sono diventate col tempo delle pietre miliari della musica trash, come ad esempio Sbucciami di Cristiano Malgioglio (cantata anche in spagnolo).

Ma andiamo con ordine e partiamo dai personaggi televisivi che si sono lanciati nel mondo musicale. Tra loro: Moira Orfei, che nel 1974 inaugura la musica trash col brano Noi zingari; Christian De Sica, che canta nel 1978 Il trenino; Patrizia Pellegrino che nel biennio 1981-1982 sforna due capolavori Beng!!! Matta-Ta (quest’ultimo rilanciato nel 2015); Konty (alias Carlo Conti) lancia nel 1985 Through the Night; Maria Teresa Ruta, che nel 1987 canta La focaccia; Gerry Scotti, che sempre nel 1987 canta Smile (sulla copertina del 45 giri vi è raffigurato lo stesso Scotti con un bambino, Conor Clapton, figlio di Eric Clapton e Lory Del Santo, scomparso nel 1991); Simona Tagli, che nel 1992 canta Uhmm… Bellissimo e nel 2002 ci riprova con il singolo Ti Amo; Alba Parietti ed il suo Cuore Selvaggio (1993); Antonella Elia, che partecipa al programma televisivo Questo è amore, per il quale incide anche l’omonima sigla nel 1993; Carmen Di Pietro, che nel biennio 1995-1996 interpreta i brani scritti per lei dall’amico Cristiano Malgioglio, Tocalo Tocalo (si può ammirare la copertina del cd nella foto allegata all’articolo) e La Fiesta.

Come dimenticare personaggi come Edo Soldo (e vi starete chiedendo chi diavolo sia!), il Velino di Striscia la notizia che per molto tempo ha affiancato il Gabibbo e le veline negli anni ’90. Anche lui si è lanciato nel mercato discografico e precisamente con due brani: il primo, insieme a Tj Crash, datato 1993 si intitola Vai Di Pietro vai! ed il secondo datato 1999 si intitola Divertedo. Chiaramente dopo questi due esperimenti passati del tutto inosservati, il velino è poi caduto nel dimenticatoio.

Recentemente invece si sono distinti nel 2013 Fedez e Dargen D’Amico con il brano Bocciofili e la conduttrice televisiva Carla Gozzi con la cover di You can leave your hat on. In attività dal 2010 vi è il gruppo musicale Il Pagante che ha rilanciato la musica trash con brani del calibro di #sbatti, Faccio after, Entro in pass, Pettinero e l’ultima hit Vamonos.

Queste sono solo alcune delle perle musicali partorite dalla televisione italiana, ma ce ne sono molte altre che presto verranno presentate nella seconda parte dedicata alla musica trash.

carmen di pietro tocalo tocalo

Advertisements

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *